Thomas Rowlandson, La philosophie dans le boudoir

LEZIONI DI LIBERTINAGGIO: DEFINIZIONE E USO DELLA VERGA SUL CORPO FEMMINILE

Madame de Saint-Ange e il conte di Dolmancé impartiscono lezioni di libertinaggio alla piccola e pudica Eugénie. Luogo prescelto: il boudoiruna stanza tra il salotto e la camera da letto, adorna di divanetti imbottiti e specchi, che molto si presta all’educazione amorosa. Madame de Saint-Ange non deve insistere troppo perché la piccola Eugénie abbandoni le sue remore e si faccia guidare nella scoperta dei piaceri voluttuosi…

 

DOLMANCÉ [toccando di volta in volta, su Madame de Saint-Ange, tutte le parti del corpo di cui viene parlando]: Incomincio. Non parlerò di questi globi di carne; sapete bene come me, Eugénie, che si chiamano indifferentemente petto, seni, mammelle; il loro uso è molto importante nel piacere. Un amante mentre gode li ha sotto gli occhi; li accarezza, li tasta: alcuni ne fanno proprio la sede del piacere. Infatti collocano la loro verga tra questi due monti di Venere, che la donna stringe e comprime su di essa, e dopo un po’ di scosse ecco che viene fuori un liquido delizioso, il cui flusso rende felici i libertini… Ma non sarebbe bene a questo punto signora, fare subito una dissertazione alla nostra allieva su quel membro, di cui poi parleremo all’infinito?

SAINT-ANGE: Lo credo anch’io.

DOLMANCÉ: Allora, signora, mi stenderò su questo canapé; voi vi metterete vicino a me, prenderete in mano l’oggetto in questione e ne spiegherete voi stessa le proprietà alla nostra giovane allieva.

[Dolmancé si sdraia e Madame de Saint-Ange spiega].

SAINT-ANGE: Questo scettro di Venere che vedi sotto i tuoi occhi, Eugénie, è l’elemento fondamentale dei piaceri in amore: lo si chiama membro per eccellenza, e non c’è parte del corpo umano nella quale lui non possa andare a ficcarsi. Sempre ubbidiente alle passioni di chi lo mette in moto, va subito a ficcarsi là dentro [e tocca la vulva d’Eugénie]: è la strada ordinaria… la più usata, ma non la più piacevole; alla ricerca di un tempio più misterioso, è spesso qui [lei apre le sue chiappe e mostra il buco del culo] che il libertino finisce per godere; ritorneremo poi su questo piacere, che è il più delizioso di tutti. La bocca, il petto, le ascelle spesso gli presentano altre are dove bruciare il suo incenso; e qualunque sia infine il posto prescelto, dopo essersi agitato qualche istante, lo si vede schizzare un liquido biancastro e vischioso il cui flusso immerge l’uomo in un delirio tanto vivo da procurargli i più dolci piaceri che egli possa sperare dalla vita.

EUGÉNIE: Oh, come vorrei veder colare quel liquido!

SAINT-ANGE: Questo è possibile con la semplice vibrazione della mia mano; vedi come si eccita man mano che lo scuoto! Queste fuoriuscite di liquido si chiamano polluzione e, in termine di libertinaggio, questa azione si chiama masturbare.

EUGÉNIE: Oh, mia cara amica, lasciami masturbare quel bel membro!

DOLMANCÉ: Non ci tengo! Ma lasciamola fare, signora; la sua ingenuità me lo fa innalzare terribilmente.

[…]

EUGÉNIE: Ma, mia cara amica, quando questa enorme verga, che riesco appena a tenere nella mia mano, penetra, come tu mi assicuri che si può fare, in un buco così piccolo come quello del sedere, provocherà certamente un grandissimo dolore alla donna.

SAINT-ANGE: Una donna non ancora abituata soffre sempre, sia introducendolo davanti che dietro. È piaciuto alla natura di farci arrivare a godere attraverso il tormento; ma superati i primi tempi, ti assicuro che nulla al mondo può offrirti i piaceri di cui si gode, e quel che si prova ficcando quella verga nei nostri culi è indiscutibilmente preferibile a tutti quelli che può procurare il ficcarlo davanti. In questo modo, d’altronde, quanti pericoli evita una donna! Meno rischi per la sua salute e più nessuno per la gravidanza! Non mi soffermo oltre, per adesso, su questo piacere; il nostro maestro ben presto lo dimostrerà a tutte e due, Eugénie, e così, unendo la pratica alla teoria, ti convincerà, come spero, mio sommo bene, che questo è l’unico di tutti i piaceri che tu devi preferire.

DOLMANCÉ: Sbrigatevi con le vostre dimostrazioni, signora! vi scongiuro, non ce la faccio più! Finirò per sgorgare e questo temibile membro, ridotto a niente, non potrà piú esservi utile per le lezioni.

EUGÉNIE: Come? Una volta venuto fuori il seme di cui tu parli, mia buona amica, quello si accorcia?… Oh! lasciamelo far uscire, così vedo come diventa… E poi, mi farebbe piacere vederlo colare!

SAINT-ANGE: No, no, Dolmancé, alzatevi! Pensate che si tratta del premio del vostro lavoro, e io non posso darvelo se non quando ve lo sarete meritato.

DOLMANCÉ: E sia! Ma per convincere meglio Eugénie su tutto quello che le stiamo dicendo riguardo al piacere, che ci sarebbe di male, per esempio, se voi la masturbaste davanti a me?

[…]

 

Marchese De Sade, La philosophie dans le boudoir

 

[Immagine: Thomas Rowlandson]

Se questo brano ti ha solleticato la curiosità, puoi acquistare il libro “La filosofia nel boudoir ovvero i precetti immorali. Dialoghi per l’educazione delle fanciulle” del Marchese De Sade direttamente dal LINK QUI SOTTO.

Il blog Filosofiga

Affina la tua eccitazione colta nella sezione ECCITAZIONI COLTE di Filosofiga. Qui potrai trovare sonetti erotici e  brani che ti faranno sorridere e riflettere. Inoltre, potrai trovare molti altri spunti per le fantasie da condividere a letto col partner, prima di buttarti nell’Amore sfrenato. Per esempio, LEGGI la poesia di Pietro Aretino e scopri quanto possa essere piccante il Kamasutra del ‘500, o leggi il RESOCONTO DEL SALTO DELLA QUAGLIA.

Oppure, fai come Maddalena, che usa i libri per trastullarsi un po’ in solitudine… L’immaginazione è spesso più eccitante delle immagini stesse! Questo brano di Ovidio ti piacerà.

Scopri le altre due sezioni di Filosofiga:

  • Le sex stories a puntate delle nostre quattro disinibite coinquiline in SEX AND THE SELFIES;
  • I consigli pratici, i trucchi del mestiere, le opinioni degli esperti in SEXPERT. Qui troverai il meglio da sperimentare per la tua vita sessuale e le ultime novità dal mondo dell’erotismo. E molto altro…

 

 

Attenzione! Questo sito è riservato esclusivamente a un pubblico adulto. E’ severamente vietato l’accesso ai minori di 18 anni. Le pagine a cui avrai accesso presentano contenuti e immagini riservati a un pubblico adulto, con riferimenti di carattere erotico. Se per motivi religiosi, morali, personali, etici o altre ragioni, ritieni offensivo  il contenuto sopra delineato, clicca subito il pulsante ESCI. Cliccando invece sul pulsante Accetto, dichiari di essere maggiorenne, che la legislazione del paese da cui stai accedendo ti consente la visione di immagini e testi a contenuto erotico e sessuale, di essere consapevole dei contenuti trattati non ritenendoli offensivi, di non portare in alcun modo a conoscenza di minori tale contenuto e di sollevare da qualsiasi responsabilità Cimi S.r.l. e il sito in oggetto, avendo accettato tutte queste condizioni e informazioni. Cimi S.r.l. e Filosofiga non saranno ritenute responsabili di eventuali conseguenze legali legate all’accesso fraudolento o all’uso fraudolento di questo sito web.

error: