pompino_filosofiga

DELLA VENERANDA ARTE DELLA FELLATIO OVVERO COME FARE UN GRAN POMPINO

Il pene sembra più facile da esplorare e conoscere, rispetto alla vagina. Chi vuole somministrare una fellatio, infatti, spesso si concentra solo sul glande, sottovalutando le altre zone erogene. Bisogna invece tenere in considerazione tutto il seguente campo d’azione:

 

Considerazioni Preliminari:

Se il pene non è in erezione, lo sarà presto. Accarezza i testicoli soppesandoli e tieni il pene fra le labbra: farselo crescere in bocca dà grandi soddisfazioni. Se fai tutto con calma e relax, in pochi istanti il pene passerà alla fase barzotta. A questo punto, usa le mani per stimolare il perineo, affinché affluisca sangue nel membro e l’erezione possa completarsi. Prenditi il tempo di studiare bene la situazione. Controlla che l’elastico delle mutande non stia bloccando l’afflusso di sangue. Spoglialo, e mettiti in una posizione comoda.

Dopodiché, comincia la festa.

 

Le 5 regole auree della FELLATIO:

I.

Il pene, anche qualora fosse grande, duro e vigoroso, è un oggetto delicato e sensibile, e va quindi TRATTATO CON UNA CERTA CURA. Fare un pompino con cieca foga per dimostrare qualcosa a qualcuno significa rovinarlo (sia il pompino che il pene). I termini pompino, pompa, succhiare, fellatio (dal latino “fellere”: succhiare) possono infatti essere fuorvianti e non vanno assolutamente presi alla lettera. Il pene in bocca va “massaggiato”. È la lingua a dover lavorare, facendolo scivolare dolcemente avanti e indietro con molta saliva. Niente vuoti d’aria o succhiotti al pene: fa molto male.

II.

I DENTI DEVONO SCOMPARIRE, annichilirsi, dissolversi – perché non c’è niente di peggio che sentirsi graffiare sul più bello. Usa le labbra per coprirli, e attraverso il loro spessore, stringi delicatamente l’asta con la bocca, mentre la lingua lavora la cappella. Per compiere quest’operazione, ricordati di respirare col naso. Talvolta tenere un pene in bocca (e dover coprire i denti con le labbra) può far perdere di vista le funzionalità fisiologiche di base. Se sopravvengono difficoltà, sappi che la “sega con cappella in bocca” è comunque una tecnica molto efficace. Permette una più facile respirazione, meno attività muscolare (collo e mascella) e un maggior controllo della sparizione dei denti.

III.

LA COORDINAZIONE è un elemento essenziale. Bisogna stimolare la cappella: hai a disposizione labbra, palato e una lingua che può compiere stupefacenti acrobazie. Stringere l’asta con una mano… quanto basta: non devi strozzare un tacchino, ma nemmeno farti scappare l’anguilla. Solleticare i testicoli e/o il perineo con l’altra mano e insalivare tutto ben bene. Come se non bastasse, sarebbe d’uopo gemere di tanto in tanto per fargli capire quanto ti piace avere il suo membro in bocca e farlo godere. Ah, sì: non ti dimenticare di lanciargli qualche sguardo provocante da sotto in su, mentre riprendi fiato. Magari aggiungi un po’ di dirty talking: fai apprezzamenti sulle sue dimensioni e la sua possanza (non importa se devi mentire).

IV.

Per fare un pompino come Eros comanda, serve un certo DISTACCO PROFESSIONALE. È certamente un atto d’amore, ma rimane comunque un gesto tecnico da compiere con perizia. C’è chi lo riceve e ne gode, e chi, d’altra parte, “lavora” con sapiente maestria per il piacere altrui. Come nei massaggi. Tuttavia, è anche vero che nessun pompino sarà mai apprezzato senza un minimo di trasporto. Le migliori fellatio sono fatte da persone che adorano succhiarlo. Quindi, divertiti. Se l’eccitazione sale, toccati, ma non perdere il controllo di quello che stai facendo: ricorda che hai il potere in mano (e in bocca) e che lo scopo del gioco è comunque far godere lui.

V.

L’EIACULAZIONE. Ci sono molti modi per gestire il momento clou: ingoiare, lasciare spruzzare ovunque (su petto, seno, viso, mani, capelli…), picchiettare la cappella sulle labbra chiuse – insomma, a tuo, e/o suo piacimento. Questo è il momento per sfoderare il tuo migliore sguardo porcello, ma non sarà difficile, visto l’inebriante senso di soddisfazione che ti pervaderà. Consigli: se il suo gusto è amaro, non farti venire in bocca; se è la prima volta, fai un tentativo. Se ti fai venire in faccia, chiudi gli occhi, perché brucia, e il rossore rimane per un bel po’.

Buon divertimento! Per ulteriori approfondimenti sulla FELLATIO, fai riferimento ai prossimi articoli. Se invece cerchi informazioni sul CUNNILINGUS, leggi l’articolo su Come leccare la figa.

I migliori VIBRATORI e SEX TOYS recensiti da Filosofiga

  1. Rabbit (doppio stimolatore per punto G e Clitoride): PRETTY LOVE.
  2. Vibratore classico di legno (stimolazione interna): SVIBBLE JILLOFF.
  3. Pebble a forma di macaron (stimolazione della Clitoride): KAWAII MACAROON.
  4. Pebble a forma di conchiglia (stimolazione della Clitoride): IROHA KUSHI.
  5. Vibratore di coppia, senza utilizzo delle mani (stimolazione della Clitoride): EVA.

Il blog Filosofiga

Scopri chi siamo e qual è il nostro progetto.

Nella sezione SEXPERT di Filosofiga troverete:

Scopri le altre due sezioni di Filosofiga: le sex stories a puntate su SEX AND THE SELFIES e gli spunti erotici, ironici e filosofici su ECCITAZIONI COLTE.

 

Attenzione! Questo sito è riservato esclusivamente a un pubblico adulto. E’ severamente vietato l’accesso ai minori di 18 anni. Le pagine a cui avrai accesso presentano contenuti e immagini riservati a un pubblico adulto, con riferimenti di carattere erotico. Se per motivi religiosi, morali, personali, etici o altre ragioni, ritieni offensivo  il contenuto sopra delineato, clicca subito il pulsante ESCI. Cliccando invece sul pulsante Accetto, dichiari di essere maggiorenne, che la legislazione del paese da cui stai accedendo ti consente la visione di immagini e testi a contenuto erotico e sessuale, di essere consapevole dei contenuti trattati non ritenendoli offensivi, di non portare in alcun modo a conoscenza di minori tale contenuto e di sollevare da qualsiasi responsabilità Cimi S.r.l. e il sito in oggetto, avendo accettato tutte queste condizioni e informazioni. Cimi S.r.l. e Filosofiga non saranno ritenute responsabili di eventuali conseguenze legali legate all’accesso fraudolento o all’uso fraudolento di questo sito web.

error: