LA TEORIA DEI CALDERONI OVVERO COME CUCINARE PIÙ UOMINI CONTEMPORANEAMENTE

Lasciate che la cappellaia matta si trasformi in strega ammaliatrice e v’illustri la sua famosa teoria dei calderoni. È una ricetta per cucinare più uomini alla volta. Che non si dica che tutti i miei piatti diventino manicaretti solo perché ci so fare! Oltre al talento per la cucina, naturalmente, dietro ci deve essere anche un’accurata esecuzione.

PRE-REQUISITI PER L’APPLICAZIONE DELLA TEORIA
  1. Essere spregiudicata ma intelligente e avere un’attitudine naturale per tenere il coltello dalla parte del manico;
  2. Avere molto appetito sessuale e non accontentarsi della solita minestra riscaldata;
  3. Disporre di un certo numero di partner attivi contemporaneamente.
RISVOLTI VANTAGGIOSI

È una tecnica tanto semplice quanto efficace. Non solo fornisce una dieta bilanciata e variegata, ma soprattutto, permette di evitare le classiche paranoie femminili.

Molte relazioni e storielle partono male e finiscono peggio perché richiedono la catalizzazione di tutte le nostre energie (emotive, mentali, fisiche…) su una persona sola. E noi non sappiamo contenere la nostra smania, perché vogliamo tutto da quel malcapitato e lo vogliamo subito.

Ci hanno fatto credere che cucinare un uomo alla volta aumenti le possibilità di successo della relazione, ma non è così. Infatti, sovente, ne risultano molta ansia da prestazione, ansia da abbandono, ansia da “voglio assicurarmi che mi appartenga”, ecc… Al contrario, tenere più di un calderone sul fuoco consente libertà di movimento e maggior lucidità nel gestire le situazioni.

Il vantaggio principale dell’applicazione della teoria dei calderoni sta nel dislocare l’attenzione su più fronti. Puntare tutto su una persona sola fin dall’inizio non è mai una strategia vincente, poiché le pietanze esigono un po’ di pepe al culo, soprattutto all’inizio. Tuttavia, ricordate che ostentare le proprie doti culinarie palesando i numerosi sformatini tenuti in forno è altrettanto controproducente! Non forniamo inutili sospetti: la carne impaurita ha un pessimo sapore. Di tanto in tanto, una mescolatina tranquillizzante e un po’ di zucchero per togliere l’acidità sono necessari. Un messaggino carino, un bacio che faccia presagire un seguito, una trasparenza nel vestito che gratifichi gli occhi permettono di distrarre il pollo mentre viene spennato.

COSA BOLLE IN PENTOLA IN PRIMA SERATA

La mia situazione attuale è questa. Innanzitutto, c’è Dorian. Dorian è come un brasato, da preparare con carne di manzo di grande qualità, un ottimo Barolo e soprattutto una lunga e lenta cottura. Con lui vorrei essere rapace, avida, famelica: vorrei mangiarmelo in un sol boccone, scrivergli sempre, vederlo tutti i giorni per affrettare i tempi. Purtroppo, però, alzare la fiamma al massimo significherebbe bruciarlo o guastarne la cottura. Dorian è un uomo da cucinare a fuoco lento. L’ho quindi inserito nel calderone centrale cui do priorità assoluta e lo faccio sobbollire per qualche settimana, cosicché la carne si insaporisca bene di vino.

Nel frattempo, sui fornelli ho una serie di pentole, pentolini, ampolle, pirofile, pignatte e casseruole dalle forme e dimensioni più disparate a seconda degli uomini da cucinare. (Bisogna pur farli stare comodi in qualche modo…). Ed è qui che tornano utili. Quando Dorian fa lo stronzetto, invece di farmi prendere dalla disperata voglia di umiliarmi pubblicamente piantandomi sotto casa sua con una scenata (come fanno le donnette inesperte che non sanno tenere a bada i morsi della fame e che rovinano tutto), amplio la mia visuale e mi riempio la pancia con qualcun altro. Nella fattispecie, Gabriele.

COSA BOLLE IN PENTOLA IN SECONDA SERATA

Il ruolo di Gabriele è quello di non farmi perdere la calma quando esco con Dorian. Io so che Dorian non me lo darà mai questa sera: al massimo riuscirò a ottenere un bacio. Alla quarta uscita, chiunque perderebbe la pazienza e gli salterebbe addosso. Ma la vittoria arride a chi sa attendere: questo è un gioco basato sul logoramento dell’avversario. Dunque, la strategia migliore è avere la scopata assicurata, subito dopo che Dorian ti ha mollata lì come un pesce lesso. Vi assicuro che tutto ciò vi farà prendere la situazione con il giusto distacco e, soprattutto, vi aiuterà a gestire l’ormonella causata dai numerosi Gin Tonic precedentemente assunti. Altra cosa importante: se siete impegnate con Gabriele in seconda serata, sarà difficile scrivere un messaggino da incontinenza verbale femminile (e ad altissimo rischio di pentimento) a Dorian, giusto? Bene, siamo d’accordo.

Lo so, lo so. Noi vogliamo arrivare al Paiolo Magico di Dorian. Chissene di Gabriele, no? Chiaro. Lui è solo un contorno, non il piatto principale. Eppure, mi ha fatta alzare felice e rilassata qualche mattina fa. E son comunque cose importanti. Tutto ciò è stato possibile grazie all’aggiunta di peperoncino calabrese (battutine piccanti che ti fanno prender bene). Dopodiché, si assaggia. Assaggiare è la parte più importante: ti fa capire di cosa c’è ancora bisogno. Mmmm, buono! Manca solo un pizzico di sale che bruci un po’ gli occhi. Così, l’ho invitato a uscire di casa invece di farlo rimanere a dormire… Il sale esalta i sapori e permette di conservare la pietanza un altro giorno… Infatti, stasera, leggera scottata nel forno a 250 gradi per farlo gratinare per bene… e sarà cotto a puntino!

LEGGI L’EPISODIO SUCCESSIVO.

Non conosci i personaggi, né l’inizio della storia?

Fai la conoscenza di MADDALENA, la nostra sexy Cappellaia matta, e delle altre Selfies nel PRIMO EPISODIO della serie a puntate. Per sapere tutti i segreti di Maddalena, Jaykill e le Selfies segui la serie a puntate SEX AND THE SELFIESOGNI GIOVEDÌ su Filosofiga.

Scopri le altre due sezioni di Filosofiga:

Tutti gli Episodi di Sex & The Selfies
 

Attenzione! Questo sito è riservato esclusivamente a un pubblico adulto. E’ severamente vietato l’accesso ai minori di 18 anni. Le pagine a cui avrai accesso presentano contenuti e immagini riservati a un pubblico adulto, con riferimenti di carattere erotico. Se per motivi religiosi, morali, personali, etici o altre ragioni, ritieni offensivo  il contenuto sopra delineato, clicca subito il pulsante ESCI. Cliccando invece sul pulsante Accetto, dichiari di essere maggiorenne, che la legislazione del paese da cui stai accedendo ti consente la visione di immagini e testi a contenuto erotico e sessuale, di essere consapevole dei contenuti trattati non ritenendoli offensivi, di non portare in alcun modo a conoscenza di minori tale contenuto e di sollevare da qualsiasi responsabilità Cimi S.r.l. e il sito in oggetto, avendo accettato tutte queste condizioni e informazioni. Cimi S.r.l. e Filosofiga non saranno ritenute responsabili di eventuali conseguenze legali legate all’accesso fraudolento o all’uso fraudolento di questo sito web.

error: